Navigbar

sabato 9 settembre 2017

Come aggiornare Windows 10 (in generale) e come farlo quando lo spazio di archiviazione è insufficiente (per esempio su un tablet)

Aggiornare Windows 10 ad una nuova versione (come nel passaggio dall'Anniversary Update v1607 al Creators Update v1703) è un'operazione semplice ma che deve essere eseguita con attenzione. Per computer desktop e notebook il procedimento è piuttosto lineare, ma esistono situazioni in cui l'aggiornamento può essere difficoltoso, per esempio su dispositivi economici come i tablet che sono dotati di un esiguo spazio di archiviazione (per esempio 32 GB di memoria flash).
A prescindere dal dispositivo in uso, la prima cosa da fare è liberare quanto più spazio possibile, disinstallando tutte le applicazioni superflue e/o inutilizzate e procedendo ad una pulizia profonda del sistema operativo. Disattivare sia il servizio di indicizzazione che prefetch/superfetch aiuta a liberare ulteriore spazio, tuttavia su un tablet può non essere sufficiente.
In tutti i casi la procedura di aggiornamento crea una cartella chiamata Windows.old contenente la versione di Windows precedente all'aggiornamento (in pratica è un backup da usare per tornare indietro se l'aggiornamento non funziona). La creazione di tale cartella necessita di circa 12-17 GiB di spazio su disco: su un desktop e/o un notebook non è un problema, ma su un tablet questo spazio potrebbe non essere disponibile e per effettuare l'aggiornamento può essere necessario ricorrere ad un supporto esterno come pendrive (o hard-disk) USB o una scheda di memoria SD.
L'aggiornamento on-line con Windows Update è da evitare in occorre eseguire il lungo download dei file di installazione decompressi (almeno 6 GiB di dati). È preferibile usare l'utility Media Creation Tool messa a disposizione da Microsoft, che offre diverse possibilità:
  1. l'aggiornamento in-place (selezionando l'opzione "Aggiorna il PC ora") riduce lo spazio di download necessario rispetto a Windows Update. Se l'operazione fallisce è necessario ricominciare il download dall'inizio. Se lo spazio è insufficiente tale opzione oltre ad essere impraticabile fa perdere molto tempo;
  2. potrete creare direttamente un supporto di installazione (un DVD o una pendrive USB di boot) della nuova versione. Anche in questo caso si procede all'aggiornamento in-place lanciando il file setup.exe in esso contenuto;
  3. scaricare l'immagine in formato ISO della nuova versione di Windows 10 da installare. Questa è l'opzione che vi consiglio perché ha diversi vantaggi.

Vantaggi del formato ISO

Avere a disposizione una immagine ISO del sitema operativo (archiviata in un posto sicuro) ha i seguenti vantaggi:
  • è possibile creare un DVD di boot con qualsiasi programma di masterizzazione che abbia l'opzione "Masterizza come ISO".
  • è possibile creare una pendrive USB di boot usando programmi come Rufus;
  • il formato .iso è compresso (per decomprimere un archivio ISO è sufficiente usare un compressore/decompressore come 7-Zip). A titolo di esempio, il file .iso di Windows 10 v1703 Creators Update a 32 bit ha una dimesione di circa 2,58 GiB (la versione a 64 bit è di circa 3,31 GiB). Le dimensioni ridotte dell'immagine ISO possono essere decisive per aggiornare un tablet.
C'è un motivo ben più importante per cui il formato .ISO è da preferirsi: Windows 10 può "montare" al volo un archivio .iso e vederlo come un DVD virtuale: basta aprire Esplora file, fare clik con il tasto destro del mouse sul file .iso e selezionare l'opzione "Monta".
Windows 10 - Montaggio di file .iso
Verrà visualizzato un DVD virtuale all'interno del quale c'è il file setup.exe da cui lanciare l'aggiornamento di Windows 10.
Windows 10 - DVD virtuale
NOTA:
per smontare un DVD virtuale bisogna fare click su di esso con il tasto destro del mouse e selezionare l'opzione "Espelli".

Aggiornare un PC desktop o un notebook

Se avete a disposizione un DVD o una pendrive di boot, oppure avete decompresso una immagine ISO, oppure avete montato l'immagine ISO come mostrato in precedenza, l'aggiornamento di Windows 10 è semplicissimo: basta eseguire il file setup.exe e seguire le istruzioni a video.
Testate la nuova versione per un periodo di tempo ragionevole, in modo da verificare che tutto funzioni come deve. Quando siete certi che è tutto a posto eseguite la pulizia profonda del sistema operativo per eliminare la cartella Windows.old (ATTENZIONE: non cancellate manualmente Windows.old, usate sempre la funzione di pulizia profonda)

Aggiornare un tablet

La procedura per aggiornare un tablet è identica a quella di un computer desktop o notebook, tuttavia l'aggiornamento potrebbe fallire per mancanza di spazio di archiviazione (anche dopo la pulizia profonda): molti tablet economici dispongono di soli 32 GB di memoria flash per i dati, di cui almeno metà sono occupati dal sistema operativo e dai programmi installati. Quando lo spazio di archiviazione è insufficiente bisogna ricorrere ad un dispositivo esterno, come una pendrive/hard-disk USB o una scheda SD.
Procedete in questo modo:
  1. procuratevi una pendrive USB o una scheda SD che abbia circa 25-30 GiB di spazio libero (dovrebbero bastare anche nei casi estremi);
  2. (opzionale) se NON avete scaricato l'immagine ISO di Windows 10 sul tablet ma avete usato un altro computer, copiate sulla pendrive-USB/scheda-SD l'immagine .iso oppure decomprimete la ISO sul supporto esterno;
  3. inserite la pendrive-USB/scheda-SD nel tablet.
Lanciate l'aggiornamento:
  • se avete l'immagine .iso sul tablet o sulla pendrive-USB/scheda-SD, dovrete prima montarla (come mostrato in precedenza), poi eseguire il file setup.exe e seguire le istruzioni a video;
  • se invece avete la versione decompressa del file .iso potete lanciare direttamente il il file setup.exe.
A questo punto partirà l'aggiornamento di Windows 10 e potranno presentarsi due casi:
  1. se avete spazio a sufficienza sul tablet il processo si completerà automaticamente senza ulteriori avvisi, creando la cartella Windows.old sul tablet stesso (che eliminerete con la pulizia profonda dopo aver verificato che tutto funzioni);
  2. se NON avete spazio a sufficienza sul tablet, verrà mostrato un avviso (vedi figura) che vi permetterà di spostare il backup Windows.old su una memoria di massa esterna. Basterà selezionare la pendrive-USB/scheda-SD che avete collegato in precedenza e l'aggiornamento verrà completato anche in quest'ultimo sfortunato caso.
Spazio insufficiente aggiornamento Windows 10

Se hai trovato utile l'articolo considera la possibilità di offrire un modesto contributo. Grazie di cuore per il tuo sostegno.
Donazione

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE…


Torna alla sezione Windows 10