venerdì 8 agosto 2014

Navigazione in incognito, la modalità privata dei browser

I moderni browser permettono una forma di navigazione anonima, più precisamente la "navigazione in incognito". Si tratta di un tipo di navigazione pensata per proteggere la privacy evitando di lasciare tracce sul computer da cui si naviga. Si chiama anche "navigazione privata" o "InPrivate Browsing".

I dati che non vengono salvati durante queste sessioni di navigazione sono:
  • pagine visitate (cronologia di navigazione);
  • cache del browser e dati non in linea;
  • cookie (vedi Glossario);
  • ricerche e dati inserite nei moduli di ricerca (con relativo inserimento nelle liste di completamento automatico);
  • nome utente e password di accesso a siti o servizi;
  • eventuale cronologia dei download effettuati.
    NOTA BENE: la cronologia non viene mantenuta ma i file scaricati sul computer locale non vengono cancellati automaticamente, occorre farlo manualmente.
A seconda del browser è possibile che anche le estensioni vengano disabilitate.
Invece i siti preferiti (o segnalibri) in genere vengono mantenuti (per cui attenzione ad aggiungerli), così come eventuali variazioni alle impostazioni ed alla configurazione del browser.

Lo scopo della navigazione in incognito è impedire che il browser memorizzi sul computer locale i dati relativi alle sessione di navigazione, in modo che ad eventuali altri utenti dello stesso computer non siano disponibili informazioni su siti e pagine visitate.

Quello che la navigazione in incognito non può fare

È bene non equivocare il significato di "navigazione in incognito" e pensare di essere invisibili poiché essa:
  • non garantisce l'anonimato su Internet: il fornitore della connessione ad Internet ed i siti Web registrano le attività degli utenti e le pagine che vengono visitate, per cui potrebbero identificare l'utente incrociando tali dati con il suo l'indirizzo IP;
  • non protegge da spyware e keylogger;
  • non può essere nascosta ad utenti della stessa rete (l'amministratore di rete e di conseguenza il datore di lavoro, un hacker ecc.): i dati personali (account, password) non sono accessibili, ma i server di rete registrano il log delle attività e delle pagine visitate.
Nella modalità in incognito però i server visitati non hanno visibilità dei dati presenti nel browser (come i cookie) a cui normalmente potrebbero accedere.

Quando è utile

La navigazione in modalità privata può essere utile in diversi casi:
  • per aprire pagine Web con la certezza di non lasciare informazioni private sul computer che si ta usando;
  • per aprire pagine Web caricando i dati al momento, senza basarsi su informazioni precedentemente archiviate in cache o cookie da altre sessioni di navigazione;
  • per eseguire velocemente una ricerca, impedendo al browser di caricare inutilmente dati che non servono allo scopo (come cookie o sessioni preesistenti) ed evitando contemporaneamente di lasciare in locale informazioni sulla ricerca fatta.

Modalità privata con i browser più diffusi


MOZILLA FIREFOX
Avviare il browser, fare click sul pulsante "Apri menu" (in alto a destra) e selezionare "Finestra anonima" (se avete mantenuto la barra dei menu in alto si può fare anche dal menu File/Nuova finestra anonima). Una finestra anonima si riconosce dalla mascherina viola che appare in alto a destra sulla finestra del browser (ma può succedere che la mascherina non appaia). Si possono aprire i collegamenti delle pagine Web direttamente in una finestra anonima usando il menu contestuale: click con il tasto destro del mouse sull'URL da aprire e selezionare "Apri link in una nuova finestra anonima".
Firefox in incognito

Alternativa: in Windows Vista/7/8.x, sulla barra delle applicazioni, fare click con il tasto destro del mouse sull'icona di Firefox e selezionare "Nuova finestra anonima".

GOOGLE CHROME
Avviare il browser, fare click sul pulsante in alto a destra "Personalizza e controlla Google Chrome", selezionare "Nuova finestra di navigazione in incognito".
Alternativa: in Windows Vista/7/8.x, sulla barra delle applicazioni, fare click con il tasto destro del mouse sull'icona di Chrome e selezionare "Nuova finestra di navigazione in incognito".

MICROSOFT INTERNET EXPLORER
Avviare il browser, andare nel menu Strumenti e selezionare "InPrivate Browsing".
Alternativa: in Windows Vista/7/8.x, sulla barra delle applicazioni, fare click con il tasto destro del mouse sull'icona di Internet Explorer e selezionare "Avvia InPrivate Browsing".

Assicurarsi di essere in incognito…

…ovvero "Se qualcosa può andar male, ci andrà" (Legge di Murphy)!
Siete davvero in incognito, cioè siete sicuri che non state lasciando tracce sul computer locale?

A dire degli sviluppatori, è possibile avviare la modalità privata di un determinato browser anche se ci sono altre sessioni/pagine/schede aperte di quel browser. Probabilmente ciò è vero nella maggior parte dei casi, ma l'esperienza e la prudenza suggeriscono di agire diversamente:
  • se volete avviare la modalità privata, per esempio in Firefox, prima chiudete tutte le finestre e le schede di Firefox, e poi avviatelo in modalità anonima, oppure…
  • …usate direttamente un altro browser!
Il motivo è che una vulnerabilità oppure qualche plug-in potrebbero "rompere" il relativo isolamento della modalità privata. Ciò è consigliabile soprattutto quando avete la necessità di navigare in modalità anonima su un computer che non è il vostro.

UN PICCOLO TRUCCO
Sfruttiamo il fatto che spesso ci sono 2 browser installati sullo stesso sistema, cercando di avviare in modalità anonima un browser differente da quello in uso. Se il computer non è vostro, è possibile che non ci siano collegamenti visibili sulla barra delle applicazioni oppure sul desktop; in tal caso si può procedere per tentativi invocando l'eseguibile del browser seguito da un parametro. Per esempio, su Windows ciò può essere fatto con con START/Esegui (oppure dal prompt dei comandi) e digitando
  • per Chrome: chrome -incognito oppure chrome.exe -incognito
  • per Firefox: firefox -private oppure firefox.exe -private
  • per Internet Explorer: iexplore -private oppure iexplore.exe -private
Questo trucco funziona da START/Esegui se il browser è stato installato con un l'installer convenzionale del browser, perché grazie ad esso Windows troverà il percorso corretto del file eseguibile. Per le versioni portable invece ènecessario uare il prompt dei comandi aperto nella cartella dove si trova l'eseguibile (difficile da mettere in pratica su un computer non di proprietà).
Start/Esegui incognito
Sul vostro computer, un collegamento sul desktop all'eseguibile del browser può essere utile se state usando:
  • Windows XP, poiché il click del tasto destro del mouse sull'icona del browser nella barra delle applicazioni (o in quella di avvio rapido) non ha l'opzione di avvio in modalità privata;
  • un sistema dove avete installato solo versioni portable di diversi browser, ma non per tutti c'è il collegamento sulla barra delle applicazioni.
Per aggiungere all'eseguibile il parametro che avvia direttamente la modalità privata:
  • creare un collegamento sul desktop all'eseguibile del browser interessato;
  • fare click con il tasto destro del mouse sul collegamento e selezionare "Proprietà";
  • andare nella scheda "Collegamento";
  • nel campo "Destinazione" c'è il percorso all'eseguibile. Bisogna aggiungere alla fine il parametro specifico del browser per la navigazione in incognito, stando attenti a metterlo dopo le virgolette se esse sono presenti nel percorso (le virgolette si trovano sempre nel caso il browser sia stato installato con con il relativo programma di installazione, mentre non ci sono nel caso delle versioni portable).
Chrome collegamento -incognito e Firefox collegamento -private
Internet Explorer collegamento -private
Riassumendo, è consigliabile creare (sul proprio computer) tanti collegamenti sul desktop che avviano la modalità privata quanti sono i browser che si usano. Se durante la navigazione vi occorre la modalità privata, è preferibile avviarla da un browser diverso da quello che usate al momento. Sulla carta, da un singolo browser è possibile avviare contemporaneamente sia schede/finestre in modalità anonima che in modalità normale tuttavia è meglio evitarlo (a causa del rischio di rompere l'isolamento di quelle in modalità privata).
Se hai trovato utile l'articolo considera la possibilità di offrire un modesto contributo. Grazie di cuore per il tuo sostegno.
Donazione

Torna alla sezione Reti e Internet