lunedì 28 luglio 2014

Unità di misura basate sul byte

Il byte è l'unità base per misurare la quantità di spazio, per esempio la dimensione di dischi e partizioni, lo spazio occupato dai file o la quantità di memoria RAM allocata da un'applicazione.
Quasi tutti i sitemi operativi misurano lo spazio usando la scala delle unità binarie, mentre nell'industria talvolta si preferisce il sistema decimale (come fanno i produttori di hard-disk magnetici).

Unità di misura binarie

Nella scala binaria ogni unità di misura è 1024 volte più piccola di quella successiva.

Il primo multiplo binario del byte è il KiB (kibibyte, o informalmente "kilobyte binario") che equivale a 1024 byte; 1024 KiB costituiscono un MiB (mebibyte, o "megabyte binario"), 1024 MiB costituiscono un GiB (gibibyte, o "gigabyte binario"), e così via.
Unità di misura binarie

Unità di misura decimali

Nella scala decimale ogni unità di misura è 1000 volte più piccola di quella successiva.

Il primo multiplo decimale del byte è il kB (kilobyte) che equivale a 1000 byte; 1000 kB costituiscono un MB (megabyte), 1000 MB costituiscono un GB (gigabyte), e così via.
Unità di misura decimali

Precisazioni sui simboli delle unità di misura della memoria e sullo standard IEC/ISO 80000

La maggior parte della confusione che gravita intorno alle unità di misura della memoria è dovuta all'uso errato dei simboli che le rappresentano. Purtroppo veniamo da molti anni di uso errato dei simboli delle unità di misura: la consuetudine e l'assenza (almeno all'inizio) di standard internazionali, ha causato pessime abitudini anche negli stessi informatici. In particolare, il fatto che il valore 1024 sia prossimo a 1000, ha portato ad un abuso dei prefissi decimali per indicare potenze di 1024. Un esempio è l'uso sistematicamente errato che si fa del simbolo "k":
  • k (minuscola): è il prefisso decimale kilo, ossia il moltiplicatore 1000;
  • Ki ("K" maiuscola seguita da "i" minuscola): è il prefisso binario kibi, ossia il moltiplicatore 1024;
  • K (maiuscola): non è un prefisso moltiplicativo; in Fisica è il simbolo del kelvin, l'unità di misura della temperatura termodinamica.
Per indicare 1024 byte si scrive spesso "kB", ma ciò è errato, bisognerebbe scrivere "KiB"; doppiamente errato è scrivere "kb" (la "b" minuscola rappresenta il bit, non il byte). Un altro errore comune è usare simboli e/o prefissi in minuscolo al posto di quelli in MAIUSCOLO (e viceversa). Per esempio 1 kb e 1 kB sono quantità differenti, infatti:
  • 1 kb = 1 kilobit = 1000 bit, perché la "b" minuscola è il simbolo del bit;
  • 1 kB = 1 kilobyte = 1000 byte, perché la "B" maiuscola è il simbolo del byte.
In caso di ambiguità è preferibile scrivere per esteso l'unità di misura base; per esempio conviene scrivere 1 kbit per indicare 1000 bit ed 1 kbyte per indicare 1000 byte.

Quando si vogliono utilizzare le unità binarie, i simboli da adottare sono stabiliti dallo standard IEC/ISO 80000. Purtroppo l'adozione di tale standard procede a rilento perfino nei Sistemi Operativi moderni: in Windows 7 (e versioni precedenti) per esempio, la dimensione di un file da 4096 byte viene erroneamente indicata con 4,00 KB, invece lo standard prevederebbe 4,00 KiB.
È un errore anche scrivere "KB" (con la "K" maiuscola da sola), sebbene sia pratica comune: il prefisso binario corretto è il "Ki". Inoltre, essendo la "K" maiuscola il simbolo del kelvin (l'unità di misura della temperatura), scrivere "KB" equivale a dire "kelvin per byte" oppure "kelvin per bel" (il bel è un'unità di misura adimensionale il cui simbolo è la lettera B), una cosa senza senso.
Alla data in cui viene pubblicato questo articolo, solo i sistemi operativi Apple a partire dalla versione Mac OS X 10.6 "Snow Leopard" utilizzano in modo coerente la corretta accoppiata tra simboli ed unità di misura (OS X usa le unità di misura decimali).
Ubuntu Linux avrebbe dovuto seguire le orme di Apple a partire dalla versione 11.10, tuttavia molte applicazioni non lo hanno fatto.
I sistemi Windows usano le unità binarie ma i simboli delle unità (KB, MB, GB) non sono conformi allo standard IEC/ISO 80000.
In definitiva, l'unico modo per essere certi della dimensione precisa di un file, è prendere nota del numero di byte ed eventualmente effettuare una conversione.


Se hai trovato utile l'articolo considera la possibilità di offrire un modesto contributo. Grazie di cuore per il tuo sostegno.
Donazione